brunopanieriphoto.it logo
« < >

S. Maria Dell'Orazione (2019)


La chiesa

La parrocchia di Santa Maria dell'Orazione a Setteville nord è stata realizzata, su progetto dell'Architetto Roberto Panella, su un'area a forte pendenza attraversata dall'acquedotto del Peschiera. Il vasto territorio parrocchiale, caratterizzato da un tessuto viario ancora incompleto, ospita attualmente circa quattromilacinquecento abitanti con la previsione di giungere a undicimila anime una volta che il relativo piano di recupero sarà a regime. Tenuto conto del contesto e delle condizioni geomorfologiche, dell'andamento altimetrico del sito e della presenza dell'acquedotto, si è cercato di concepire un organismo che si inserisse in modo armonico ed equilibrato nel contesto, con caratteristiche di forte visibilità e specificità. Il complesso si articola sulla giustapposizione della chiesa — dalla particolare forma a settori circolari con rivestimento in materiale lapideo - e dell'edificio che ospita le attività pastorali e la canonica — con paramento esterno in mattoni pieni - che si confrontano in un equilibrato contrasto di forme e materiali; il tutto facente perno sul campanile, nodo compositivo e forte segnale visivo per l'intorno. L'aula a pianta centrale, raccolta intorno al presbiterio, consente una fattiva ed effettiva partecipazione dell'assemblea all'azione liturgica, assecondata dall'azione della luce radente che illumina l'aula senza abbagliare. ln alzato, la grande trave anulare inclinata sorregge le volte in cemento armato, anche queste importanti fonti di luce indiretta. L'intero centro parrocchiale, pur con le sue funzioni di facile lettura ben individuabili anche dall'esterno, è un unico organismo che al piano terra presenta una forte correlazione tra le diverse funzioni: chiesa, cappella feriale, sacrestia e uffici parrocchiali, locali di ministero pastorale e sala riunioni. Al primo piano trovano posto, oltre alla canonica, gli spazi riservati al volontariato, che opera sul territorio parrocchiale; al seminterrato, al di sotto della chiesa, è stato realizzato il salone parrocchiale completo dei servizi.

Il Quartiere di Setteville Nord, o Marco Simone

Imboccando, da Setteville, la via di Marco Simone, si giunge, ad un certo punto, nella omonima zona residenziale, intitolata a Marco Simone, per via del castello del fu Marco Tebaldi, figlio di Simone Tebaldi. Originariamente era una masseria-fortificata romana del III secolo D.C che fu poi arricchita da una torre nell’anno Mille. Il castello Marco Simone è una costruzione che risale circa all’anno 1000 e che ora è di proprietà di Laura Biagiotti. Nella tenuta sorge il Marco Simone Golf & Country Club, al quale si accede attraverso una strada privata alla cui destra ci sono le abitazioni private, ognuna dotata di piscina privata. L'atmosfera non è delle più vivaci ed anzi sembra di essere in una zona di vacanze durante la stagione morta.
A poche centinaia di metri dalla tenuta si apre, invece, il vero e proprio quartiere di Setteville nord, o Marco Simone, collocato su una collinetta zeppa di villette; ogni abitazione ha un giardino dove d'estate si
cena sempre all'aperto e molti hanno il cane.
Sono le sorprese della periferia romana; a pochi chilometri da lì, Setteville si mostra nella sua veste polimorfa, un po' città, un po' borgo e un po' campagna, mentre qui sembra di essere in un etereo hinterland di una qualunque media citta della provincia, dove i servizi sono assai scarsi, dove la mobilità pubblica arriva a fatica e dove mancano del tutto uffici postali, circoscrizione comunali, negozi, raggiungibili soltanto atraverso l'auto privata.
Solo l'edificio della chiesa di S. Maria Dell'Orazione rappresenta una presenza imponente, seppur nelle sue comunque ridotte dimensioni, al confronto con le abitazioni della zona, svetta nel territorio come punto di richiamo della popolazione locale, anche se si fa fatica a vederla piena. Eppure, il suo cortile interno sembra proprio allestito per ricreare l'agorà del quartiere.
Certamente chi ha deciso di vivere a Setteville Nord, o Marco Simone, lo ha fatto alla ricerca dell'esodo dalla città, con l'intenzione di isolarsi volontariamente; si tratta per lo più di famiglie, per la maggior parte giovani coppie con figli piccoli, con un buon tenore di vita, attratte molto probabilmente dai prezzi accessibili delle abitazioni, quasi tutte villette plurifamiliari, dotate di giardino e camino, alla vista nmolto decorose. La tipologia classica e' quella a tre livelli con sala hobby e bagno nel seminterrato, sala, cucina e bagno al piano terra e due camere mansardate al primo piano.
Le strade invece lasciano ancora molto a desiderare, così come il sistema fognario. Attualmente, non essendo stato completato il depuratore, ogni villa deve avere un impianto di fitodepurazione indipendente, con l'attacco pronto per allacciarsi alla fogna comunale, quando ci sarà ... e se ci sarà. Qui pernsare ad una presenza pubblica rappresenta probabilmente una idea utopistica.
Ad oggi la zona sembra molto tranquilla e non ci sono grossi problemi. L'atmosfera e' quella di paese, in cui si nota subito chi non è del posto, soprattuttio se impugna una macchina fotografica e sono costretto a spiegare a più d'uno che sono lì per fotografare la chiesa, che sto portando avanti un progetto sulle chiese post giubileo del 2000 e che, soprattutto, non sono un giornalista arrivato per parlare alla stampa del quartiere. La sensazione che ho è che in molti abbiano paura di essere scoperti e che gli venga sottratta quella conquistata tranquillità.
Sembra anche che nessuno abbia il desiderio di avere a portata di mano un centro commercale: Il più vicino si trova nella zona del parco tecnologico a circa 2,5 Km.
Non c'è praticamente presenza di traffico automobilistico, anche se siamo a meno di di 4 Km dal GRA.
Insomma, Setteville Nord, o Marco Simone, è una scelta di vita, non un qurtiere di Roma Capitale.
Share
Link
https://www.brunopanieriphoto.it/s_maria_dell_orazione_2019-g2773
CLOSE
loading